Overblog
Edit post Segui questo blog Administration + Create my blog

Finalmente, il tanto atteso ISO. Cos'è? A cosa serve? Perché esiste???

Wikipedia ci dice questo: il valore ISO indica la sensibilità del sensore in una fotocamera digitale alla luce.

Che vuol dire?  Vuol dire che possiamo variare la potenza del sensore e quindi che il sensore può essere impostato per raccogliere al momento dello scatto, più o meno luce. Immagina che tu sia in macchina e debba affrontare una salita, a quel punto, dovrai schiacciare di più il pedale dell'acceleratore per dare al motore più potenza per poter arrivare in cima.
 

Cosi avviene anche con la macchina fotografica, per scattare una fotografia al buio, bisogna dare più potenza al sensore, in modo da poter catturare anche la luce che a occhio nudo non vediamo.


Ma attenzione!!! valori ISO devono essere utilizzati in maniera molto oculata.
Perché? ti faccio un altro
esempio, non so se hai dimestichezza con la musica, ma probabilmente ti è capitata questa cosa. Sei in macchina e stai ascoltando la radio quando mettono su la canzone della tua vita. Qualunque sia la musica, che possa essere una sinfonia di Beethoven, varcando i tempi fino ad arrivare al Sanremo 2020 (ho i miei dubbi), decidi di alzare al massimo il volume. La forza della musica esplode nelle casse e quella canzone la si può sentire anche a due isolati, ma ti accorgi di una cosa. A meno che tu non abbia un impianto ad altissima fedeltà o una cassa monitor da palco in macchina, sentirai che la musica distorce e la qualità generale si sporca. Sarai d'accordo con me che non ti godrai a pieno quella canzone.
 

Ok Ale, sono d'accordo con te, ma che centra la musica con la fotografia??? Ti ho fatto questo esempio per farti capire che una fotografia fatta sovraccaricando di troppo la potenza del sensore può portare a fare una foto che si, è GUARDABILE, ma non è GODIBILE, e lasciami licenza di dire che tra le due ci sia una differenza abissale.
Il cosiddetto RUMORE nelle fotografie a volte è proprio la discriminante della decisione se mantenere o scartare una foto.
E' vero che grazie alla post produzione (lightroom, photoshop, gimp, corel draw, ecc), possiamo lavorare la foto per limarne le imperfezioni, ma un eccessivo rumore se modificato elettronicamente incide comunque nella foto finale e nella perdita dei dettagli. Eccone un esempio.

 

Come puoi vedere, in questa avevo un valore ISO altissimo (ora non ricordo quanto, ma si vede). Decisi di tenerla e di post produrla, quindi modificarla per togliere tutto il rumore e cerca i renderla godibile alla vista. Ok mi rendo conto che potrei aver fatto altri errori oltre all'impostazione dell'ISO. Comunque, qui di seguito ti mostro la situazione che mi si è parata davanti in pp.

Una foto altro che limata. TOTALMENTE PIALLATA! 0 dettagli (non che prima ce ne fossero a bizzeffe). Questo perché? Ovviamente era buio e la mia reflex ha fatto molta fatica a cercare la luce nella scena e ha sforzato al punto di raccogliere luce ovunque ce ne sia anche poca e l'ha riportata nella foto, cercando di sfumare i colori ma evidenziando purtroppo il rumore o in gergo GRANA, come puoi notare nella prima foto sull'asfalto e in alto del cielo.

Ovviamente la post produzione non fa miracoli. Quindi ricorda una regola fondamentale.  Alla base di una bella fotografia finale, c'è uno scatto correttamente impostato e con imperfezioni minori. La post produzione dovrebbe INTENSIFICARE ed EVIDENZIARE i dettagli di uno scatto, difficilmente CORREGGERE o RECUPERARE una scatto sbagliato alla base.

Il rumore è colpa solo del sensore? Se il sensore è il motore della reflex allora il PROCESSORE di IMMAGINE è la sua centralina, responsabile di funzioni di base come regolazione della nitidezza o abbattimento del rumore. Grazie all'evolversi dei processori di immagini oggi i sensori riescono a fare foto anche in condizioni di scarsa luminosità ad alti ISO senza che questi possano rovinare la qualità generale della foto. Quindi un miglior sensore deve avere alla base un buon processore per funzionare alla grande. Alcuni esempi di sensori sono i DIGIC (Canon), EXPEED (Nikon), BIONZ (Sony) e ce ne sono anche per altre case produttrici. Per questo scattare con una reflex o una fotocamera piuttosto che con un altra potrebbe aver risultati differenti, anche se della stessa generazione. 

Immagine di Wikipedia ad opera di Peter Welleman

Ma per fare fotografie in condizioni di poca luce basta solo aumentare l'ISO? Nel prossimo articolo spiegherò qualcos'altro che ti aiuterà a scattare con poca luce senza rovinare le foto! Cosa? Leggi il prossimo articolo :)

Tag(s) : #fotografia

Condividi post

Repost0
Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti: